Laura e la sua esperienza con il nostro metodo


Laura e la sua esperienza con il nostro metodo

Sono Laura. Quasi 53 anni. In menopausa da un po’, refrattaria al movimento e amante della buona cucina.Questa è la mia esperienza con Estetica Armonia: 13 kg in meno senza soffrire e una dose maxi di fiducia in me stessa in più.

Com’ero
A fine luglio ho iniziato il mio percorso con Estetica Armonia. Avevo toccato gli 89 kg, tendini di achille gonfi e doloranti limitavano i miei movimenti e negli ultimi mesi avevo avuto il fuoco di sant’Antonio e una perdurante infiammazione ai tendini di un ginocchio, curata dal mio medico con cerotti e pastiglie antinfiammatorie per più cicli.
Quanto ai tendini di achille, che mi costringevano a camminare male e molto lentamente, avevo cercato la consulenza di un bravo fisioterapista, che aveva rilevato una situazione critica per circolazione stagnante e gambe gonfie, oltre naturalmente ad un sovraccarico di peso rispetto alle capacità della mia struttura. Entrambi problemi erano da affrontare e risolvere per avere dei risultati dalla fisioterapia: la circolazione per “smaltire” quel che i trattamenti avrebbero mobilizzato, il peso per ridurre le sollecitazioni e impedire il riproporsi inevitabile del problema.
Io sarei anche andata dal fisioterapista, pensando di affrontare il resto con il consueto modo “fai da te”, l’unico mai usato sino ad ora. Però – fatta l’ecografia ai tendini – non riuscivo mai a trovarlo al telefono per fissare…
E invece conoscevo già Severina, che mi aveva detto “quando vieni a trovarmi?”.

Così “intanto” ci sono andata. A volte una viene aiutata dal “caso”, nelle scelte…

Perché ho iniziato
A un certo punto, visto lo spostamento costante verso destra della lancetta della bilancia e i problemi connessi, mi è stato chiaro che avevo bisogno di aiuto. Troppe volte avevo ricominciato la dieta – era una buona dieta, non una di quelle ipocaloriche, ma complicata: non riuscivo a portarla avanti per più di una settimana. Perciò il peso aumentava, magari perdevo due kg, ma li riprendevo subito. Ogni settimana pesavo un po’ di più e i 90 kg erano vicinissimi.
Non sono una frequentatrice di centri estetici, anzi ho sempre nutrito una sorta di diffidenza verso il genere. La cura della persona, il benessere, il corpo… sono sempre stati un po’ snobbati in famiglia (mi hanno cresciuta così, intendo, più che altro valorizzando la testa).
Ma di Severina mi sono fidata, per il Tai Chi, per i riferimenti all’omeopatia, per una visione spirituale (non so se sia il termine giusto). E poiché la conosce mio marito da prima di me, anche lui mi ha spinta ad iniziare un percorso con il suo aiuto. Cosa fondamentale, perché sì, è un ottimo investimento, ma comunque è un investimento importante (considerate le mie abitudini pregresse) in soldi e in tempo dedicato. Visto che il bilancio è comune, e, visto che il tempo l’avrei sottratto alla famiglia, è stato essenziale avere l’appoggio di mio marito.

Cosa mi hanno fatto (!), cosa ho fatto (!)
Severina ha impostato per me un programma di trattamenti che – tra l’altro – mi hanno permesso in due sedute di camminare senza troppo dolore (motivo per cui, dal fisioterapista non ci sono mai andata, alla fine: e così ho già ammortizzato parte della spesa ;-)). Mi ha spiegato l’importanza dell’alimentazione per combattere lo stato infiammatorio generalizzato in cui mi trovavo, e mi ha fornito utilissime indicazioni alimentari. Mi ha dato – con la sua vicinanza, e con i fiori di Bach – il supporto emotivo di cui avevo bisogno.
In Estetica Armonia mi sono sempre sentita indirizzata, aiutata, mai giudicata, anzi aiutata anche a vedere il mio corpo come cosa bella, e questo mi ha fatto davvero bene allo spirito.
Ho la convinzione che i trattamenti siano andati a sciogliere anche dei nodi emotivi, che mi conducevano a mangiare in modo un po’ compulsivo le cose sbagliate, e ad aprire dei canali perché l’energia riprendesse a circolare. Lo credo perché – molto stranamente – io “quel desiderio invincibile di ingozzarmi di biscotti” non l’ho più avuto. Ed era per me invincibile con la sola volontà, veramente!
Il programma prevede anche esercizio fisico. L’ho introdotto solo dopo qualche tempo, un po’ per i problemi ai tendini, un po’ – più di tutto, probabilmente – per la pigrizia. Trovavo sempre qualche scusa e qualche imprevisto per rimandare, per saltare quel giorno… sì facevo qualche camminata con i cani, ma non un lavoro mirato (eppure Severina mi aveva fatta iscrivere a un programma di esercizi online, che io non avevo nemmeno mai guardato).
Poi finalmente è scattato qualcosa. Da settembre ho deciso di alzarmi mezz’ora prima al mattino per avere più costanza: 5 esercizi tibetani, qualche esercizio di pilates e qualche esercizio aerobico, esercizi del programma online, tutte le mattine. Un po’ mi pesa, ma ne ricevo energia e calore, benessere anche psicologico – fiducia in me stessa, per la capacità di essere costante – che mi fanno sentire più sveglia e positiva.
Dopo le prime settimane di trattamenti ho incontrato una consulente del centro, Barbara, per iniziare con la sua supervisione un regime alimentare specifico.
Anche se, devo dire, attraverso i trattamenti Severina è sempre stata in grado di leggere quali fossero gli alimenti in sovraccarico, e di darmi indicazioni – e anche tisane, ricette di zuppe o altro – per depurare e riequilibrare. Io ancora mi stupisco di quanto il corpo possa rivelare, attraverso le tensioni e la maggiore o minore sensazione di dolore alla palpazione, e in quali punti, a chi è in grado di capire il significato dei segnali.

La dieta
A me piace mangiare, e la colazione abbondante e ricca mi mette di buon umore e non mi fa sentire a dieta: mangio più di quel che mangiavo prima, cibi che mi piacciono e mi appagano. Quasi sempre arrivo all’ora di pranzo senza fatica: anche i colleghi hanno notato che – pur senza spuntini – riesco a pranzare più tardi, mentre prima alle 10 già avevo necessità di uno spuntino, e alle 11,30 ero già disperata e alle 12,15 andavo già a pranzo.
Pensavo che rinunciare allo zucchero, ai dolci, fosse più difficile, ma il fatto è che nell’insieme – trattamenti, alimentazione, esercizio fisico – ne sento meno bisogno.
Pranzo fuori casa, per lavoro, 4 volte alla settimana. Non ho mai dovuto o voluto portarmi il pranzo da casa, al massimo ogni tanto mi sono portata le gallette di cereali (i cereali integrali proprio non si trovano, al massimo le patate) o della verdura cruda da sgranocchiare prima del pasto. Al bar scelgo gli alimenti più adatti tra le possibilità offerte. Magari non sono perfetti, ma devo dire che qualcosa c’è sempre che mi permette di non sgarrare e di rispettare la composizione del monopiatto.
Ho riscontrato che nei supermercati tra i cibi pronti oggi non è così impossibile trovare qualcosa di commestibile: in mezzo a una quantità incredibile di prodotti immangiabili si trovano zuppe di verdura senza conservanti, verdure cotte e crude, semi oleosi, frutta… quando ne ho avuto la necessità sono riuscita a seguire la dieta anche in situazioni critiche, semplicemente comprandomi qualcosa al supermercato anziché ricorrere a panini, pizze e simili.
Non sono stata sempre perfetta, ma comunque nettamente migliore di “prima”, e la dieta da loro formulata ha funzionato anche così.
In casa è più semplice. Solo, mio marito è vegetariano e ho scelto – salvo rare eccezioni – di non cucinare e non tenere nel frigorifero carne. Ma il pesce lo consumo.
A me questo regime alimentare sembra geniale. Nel complesso, se ci penso, a parte zucchero e farine raffinate (e certi ingredienti spazzatura dei biscotti industriali), non è che io mangiassi cose tanto diverse prima. Più di tutto sono diverse le proporzioni tra i diversi alimenti. E la distribuzione delle quantità nella giornata.
Avevo fatto seriamente una dieta in passato, aveva funzionato ma finita la fase di massima motivazione avevo mollato: troppo complicata! Dovevo portarmi in ufficio i pasti preparati da casa, o in alternativa mangiare cibi piuttosto tristi. E comunque mi dava dei disturbi. Mal di testa ogni tanto, nei giorni in cui dovevo mangiare solo proteine e verdure. E c’erano diversi alimenti proibiti. Tipo il caffè. Tutti i latticini. Oltre naturalmente allo zucchero e simili. Pur mangiando tanto, era un po’ una sofferenza attenersi a quelle regole, e una complicazione. Una volta conclusa nel giro di un paio di anni ho ripreso il doppio dei kg persi, complice lo stress, i biscotti o le patatine per tenermi sveglia a lavorare al computer la sera…Erano stati mesi abbastanza sofferti, intendo, e i risultati sono stati vanificati sul medio periodo.
Ora, non so come sarò tra due anni, ma non posso dire di avere sofferto in questi mesi! Anzi considero di essermi coccolata, veramente.

Risultati
Sono passati 7 mesi. Il mio peso attuale è intorno ai 76 kg. 10 kg in meno li avevo già raggiunti a novembre. In modo assolutamente piacevole, tra massaggi, “coccole” e pasti anche abbondanti, senza “fare la fame” o sentirmi depressa per le privazioni. Quel che ho ripreso durante le feste l’ho riperso, e continuo con il nuovo regime alimentare.
Senza aver preso alcun farmaco né aver fatto trattamenti specifici localizzati le mie caviglie stanno bene, tendini completamente sfiammati, posso fare le mie camminate nei boschi vicino a casa insieme ai cani senza sofferenza, né durante né dopo. A inizio novembre sono finiti i trattamenti più intensi ed è iniziata una fase di mantenimento.
La “dieta” è ora per me, più che una dieta, lo stile alimentare che seguo senza particolare fatica, pur con qualche trasgressione ogni tanto, legata a momenti sociali (familiari o amicali) più che al desiderio di mangiare cose “vietate”.
Mi sembra di non aver fatto pesare questo stile alimentare a chi mi ha invitata a pranzo o a cena, ho sempre assaggiato quasi tutto. (Va be’, per lo più siamo in famiglia, non è che tutte le settimane abbiamo tre-quattro cene con amici e parenti, se no sai che disastro…).

Affinare
Vorrei lasciar andare altri kg, ho capito che ci sono alimenti che mi disturbano e occorre affinare un po’ la comprensione. Con l’aiuto di un questionario somministrato da Barbara sono venuti fuori alcuni cibi per me critici in questo momento, con un programma di “disintossicazione” graduale. E’ stato sorprendente perché con le indicazioni datemi il mio organismo si è sbloccato ed ho ricominciato a sgonfiarmi e sciogliere grasso, a stare meglio, ad alleggerirmi.
All’inizio del percorso Severina mi aveva chiesto: “quanti kg pensi di dover perdere?” e io “20”, ho detto pensando a quanto mi sentivo in sovrappeso, e non pensando alle possibilità di raggiungere veramente un -20. Severina mi ha risposto “possiamo lavorare per scendere di 10, è un risultato raggiungibile, se ci lavoriamo con impegno”. A me già sembrava difficile, quelle cose che ti promettono ma poi…. E invece l’abbiamo raggiunto e i -20 non sono poi così lontani, adesso. Ma non mi interessa particolarmente raggiungerli, mi interessa prima di tutto stare bene.

Belle sensazioni
Quant’è liscia e profumata la pelle dopo i trattamenti,
Il sorriso con cui vengo accolta in Estetica Armonia,
Il buonumore che permane anche dopo,
Lasciare andare alcune tensioni e parole trattenute, anche a casa,
Scoprire trattamenti sempre diversi, praticamente ogni volta è stata una sorpresa!
Sentirsi ‘pensata’, con la ricerca di una ricetta, di un prodotto o di una tisana ad hoc,
Fare la doccia/il bagno con tutti i successivi riti di applicazione di diversi prodotti richiede più tempo ma è davvero piacevole e fa stare bene,
Il momento in cui mi sono accorta che i pantaloni maxi comprati e riempiti completamente fino a luglio sono diventati un po’ vuoti, e che mi serviva la cintura per “tenerli su”,
Stare avvolta tipo mummia sotto le coperte calde, a riposare,
Pesarsi e constatare che anziché un aumento pressoché costante si riscontra una discesa pressoché costante…
Ripescare nell’armadio capi in cui non entravo più e scoprire che sì, si chiudono i bottoni! ( se non si chiudono ancora, si chiuderanno certamente tra qualche settimana, è provato).
Rifare quel sentiero in salita che mi era costato tanta fatica, fiatone, dolore ai tendini e sudore in estate (e non volevo più ripetere) e scoprire che andavo su leggera e rapida, lasciando mio marito indietro (grande soddisfazione veramente, perché non capita mai!!!).
Scoprire a distanza di qualche mese che quei massaggi un po’ dolorosi non lo sono più, ma l’intensità con cui Severina li pratica è la stessa: sono io che sono cambiata.
Scoprire che “tirare su le gambe” non richiede grossi sforzi addominali, che riesco di nuovo a piegarmi, che tutto il mio corpo è più elastico.
Capire che nel mio corpo ci sono le esperienze che ho fatto: sono sedimentate lì. Posso lavorarci a diversi livelli e l’effetto è bidirezionale. Posso lavorare sulla mente per sciogliere tensioni nel corpo. Posso lavorare sul corpo per sciogliere tensioni nella mente… Che cosa interessante siamo!
Correre! Sì, provare a correre e riuscire a farlo! Non ho continuato eh – sono proprio refrattaria, e quanto meno dovrei procurarmi scarpe adatte – ma scoprire che riuscivo a correre…
Volermi più bene.

Considerazioni
Al prezzo di un pacchetto di trattamenti estetici ho ricevuto, chiacchierando, chiedendo, ascoltando:
– nozioni di naturopatia e omeopatia, che vengono condivise con generosità durante i trattamenti,
– risultati che neanche una serie di trattamenti fisioterapici…,
– corso per curarsi con l’alimentazione,
– maggiore conoscenza del mio corpo, muscoli, struttura, pelle (a cosa serve),
– dose maxi di fiducia in me stessa, e senza psicoterapia,
– amore,
– guida per fare la spesa: lettura etichette, individuare i prodotti sì… una volta capito dove trovarli (per esempio in un supermercato) si va sul sicuro e si fa in fretta ad acquistare, il resto è roba di cui conviene fare a meno.

Questa testimonianza non potrà mai essere esaustiva di questa esperienza e di quanto vi devo.
Grazie di cuore.
Laura

Categorie

C'è 1 comment

Add yours